Si dica chiaramente che gli ebrei vanno bene solo da morti….l’opinione di Rita Faletti

postato il 16 novembre 2019 alle ore 17,44

commenti: 1

visualizzazioni : 779

 

Tel Aviv – copyright  G. Ruzza

Abu Al Atta è saltato in aria mentre dormiva centrato da un missile israeliano. I suoi compagni jihadisti dovrebbero ringraziare Allah per avergli concesso di passare dalla vita alla morte senza accorgersene e da eroe della sedicente resistenza palestinese. Invece strepitano come ossessi e promettono vendetta. Neanche passassero le giornate a occuparsi del bene degli abitanti della Striscia, da loro usati come scudi umani, piuttosto che dedicarsi all’unica attività in cui eccellono da tempo: lancio di razzi e missili contro civili israeliani. Centosessanta, gli ultimi, un centinaio intercettati, una sessantina piombati su Tel Aviv, come ritorsione dell’uccisione mirata del capo del Jihad. Israele difende la propria esistenza usando il bisturi come quando il Mossad, il servizio segreto israeliano, avviò l’operazione “Ira di Dio” con l’obiettivo di uccidere i responsabili del commando palestinese che aveva pianificato l’uccisione di undici atleti del team israeliano alle Olimpiadi di Monaco di Baviera nel settembre del 1972. Si scoprì, successivamente, esaminando i corpi, che gli atleti avevano le ossa spezzate e segni di tortura. Uno di essi era stato evirato. Israele sa che non può abbassare la guardia ed è altrettanto consapevole che non ha amici nel mondo. Men che meno nell’Europa filopalestinese e in parte islamizzata dove commemorare l’Olocausto è diventata un’abitudine ormai vuota di significato. Come incensare le virtù di una persona dopo che è passata a miglior vita. Nel nostro paese è costume farlo, immancabilmente, se il defunto è appartenuto o ha simpatizzato per il partito delle anime belle, che oggi vota a sostegno della commissione contro l’odio proposta dalla senatrice a vita Liliana Segre, (sarebbe stato giusto che tutto il parlamento lo facesse), ma ieri e sicuramente domani, replicherà l’accusa a Israele di difendere con il suo esercito, il più morale al mondo, il sacrosanto diritto di esistere. C’è qualcosa di ambiguo che non va in certa sinistra, come nell’Anpi, che il 25 aprile preferisce sfilare accanto ai coccolatissimi centri sociali che alla Brigata ebraica. L’antisemitismo serpeggia pericolosamente nelle frange estremiste di destra e di sinistra e non solo. Un filo che tiene assieme il presente e il passato. Gli attacchi alle sinagoghe, il vilipendio di tombe nei cimiteri ebraici eccitano i negazionisti e gli odiatori seriali che sui social sfogano il loro schiacciante complesso di inferiorità e le loro frustrazioni indirizzando ogni genere di insulti agli ebrei, secondo loro colpevoli di tutti i mali del mondo. Ma il verme disgustoso dell’antisemitismo, che facilmente corrompe la materia scadente di teste deboli, si è insinuato nelle fibre di figlie e figli di puttana che paragonano Israele alla Germania nazista. Sostenitori del terrorismo palestinese, forse sperano di vedere Israele distrutta, obiettivo principale delle popolazioni arabe già all’indomani del Piano di partizione della Palestina, votato dalle Nazioni Unite nel 1947. In quel pezzo di Medio Oriente, la realtà è capovolta: la vittima diventa carnefice e viceversa, in una cornice di rancore, voglia di riscatto e odio, che il jihadismo nutre, nutrito, a sua volta, dai finanziamenti ingenti provenienti da Teheran. Solo Hezbollah riceve 700 milioni di dollari l’anno, una parte del miliardo di dollari che l’Iran distribuisce ai vari gruppi terroristici. Cosa arcinota in Europa, che, con voce stentorea, attraverso i suoi media e i suoi politici, non ha perso il vizio di stigmatizzare Israele e versare lacrime sui morti palestinesi. L’Europa moralista che si vanta di tutelare i diritti delle minoranze, piange gli ebrei morti nei campi dell’orrore e finge di non vedere cosa accade ai cittadini di fede ebraica nelle strade delle sue città. Ci volevano i gruppi fascisti e neonazisti a risvegliare le coscienze addormentate dei governi, ora decisi a prendere provvedimenti per timore di perdere il potere. Intanto, la Corte di giustizia dell’Unione europea, in un linguaggio contorto, ha stabilito che i prodotti originari dei territori occupati dello Stato di Israele, devono recare l’indicazione del loro luogo di origine. Un chiaro boicottaggio ai danni di Israele. Niente indicazione dei luoghi di origine, però, per i prodotti cinesi del Tibet o per l’olio turco prodotto nel nord dell’isola di Cipro. Un favore a due paesi che l’Europa teme. E per strafare, De Magistris ha offerto la cittadinanza onoraria ad Abu Mazen, e Leoluca Orlando ha intitolato una parte del lungomare palermitano ad Arafat, il viscido ometto che ha tradito la causa palestinese per salvare se stesso. Che l’Europa voglia sfamare il coccodrillo sperando di essere risparmiata o, almeno, divorata per ultima?

 

 

Ilva: specchio di un fallimento politico….l’opinione di Rita Faletti

postato l’8 novembre 2019

visualizzazioni : 658

 

 

Se navighi a vista, senza una rotta precisa e senza carte nautiche, puoi cercare di dirigere la prua lontano dagli scogli che vedi, ma, prima o poi, finirai contro quelli che non vedi. E’ quello che potrebbe capitare al governo giallorosso, una combinazione di dilettanti con vocazione al suicidio e flaccidi capitani di lungo corso con qualche naufragio alle spalle, influenzati più che influenzanti. Il mare devi conoscerlo, non puoi permetterti spacconate o irresolutezza, il vento e le correnti cambiano in modo repentino e se manchi di esperienza o il coraggio ti abbandona, ti ingoia. La storia dell’Ilva, nei suoi passaggi dai tempi in cui si chiamava Italsider ed era il più grande stabilimento siderurgico di proprietà pubblica, è la storia di un paese e di una cultura segnata da evidente ostilità nei confronti dell’impresa, oggi è anche un test sul governo e la sua capacità di tenuta e sull’efficacia del presidente del Consiglio nel condurre le trattative per evitare che ArcelorMittal proceda alla rescissione dell’accordo per l’acquisizione delle attività dell’acciaieria. La parte oltranzista dei Cinque stelle non vede l’ora di poter dire che finalmente la sua battaglia ha sortito l’esito di cacciare da Taranto chi “rivendica la licenza di uccidere”(Travaglio) lisciando così il pelo agli elettori cui Grillo aveva promesso un grande parco giochi al posto dello stabilimento. Il governatore della Puglia, Emiliano, dichiara ogni giorno che se Ilva non fosse mai esistita sarebbe stato meglio per Taranto e per la Puglia. Alcuni parlamentari del movimento hanno definito Ilva “anti-brand” perché danneggerebbe il turismo e l’industria agroalimentare che soffrirebbero di un pregiudizio legato alla salubrità dell’aria e del terreno. Ma questi personaggi, oltre che dar fiato alla lingua, si sono posti il problema della mancanza di prospettive di lavoro nel sud del paese, o ritengono che il reddito di cittadinanza sia la soluzione? Si sono chiesti che fine faranno le decine di migliaia di lavoratori e le loro famiglie se gli altiforni verranno spenti? Sono consapevoli delle ripercussioni sull’indotto? E sulle finanze pubbliche? Sanno che lo stabilimento è a ciclo integrale, non solo lavora l’acciaio, ma lo produce a un prezzo relativamente basso per l’industria italiana che è di trasformazione e si vedrebbe costretta ad acquistare la materia prima da altri paesi a prezzi superiori? La chiusura dell’Ilva comporterebbe la perdita dell’1,4 per cento del pil nazionale. Ma loro non se ne preoccupano, non sono fatti che li riguardino. Si potrebbe supplire con l’allevamento dei mitili e la coltivazione di piante officinali. Il mezzogiorno si sta svuotando dei suoi giovani e allontanando sempre più dal nord e si pensa di rimediare con qualche cozza e qualche pianta di origano. Il business delle arance vendute da Di Maio a Mr Ping mentre Macron trattava con Xi Jinping per la vendita di 290 Airbus A320 e 10 aerei di linea A350, la dice lunga sull’insipienza e la superficialità di politici da strapazzo che sanno a malapena di cosa parlano e spacciano per grandi risultati miseri guadagni. Chi crede alla fandonia messa in giro dell’alibi usato da ArcelorMittal dello stop allo scudo penale per lasciare Taranto e gli altri siti italiani, sottovaluta le responsabilità della parte politica, i tira e molla e le incertezze di Di Maio che ritira l’immunità penale, poi la ripristina dando assicurazioni all’azienda e la ritira nuovamente sperando in un ritorno del consenso. E’ così che si tratta un investitore che ha portato 4 miliardi e 100 milioni a un’azienda che inquina da sempre e ha attuato in buona parte il piano di salvaguardia ambientale? Lo scudo penale con il quale nel 2015 si era voluto assicurare una protezione legale ai gestori dell’acciaieria e ai futuri acquirenti, non era un favore a Mittal, ma l’applicazione dell’art.27 della Costituzione, che mette al riparo da azioni legali commissari e potenziali acquirenti coinvolti in vicissitudini derivanti dal passato. Quale affidabilità può avere un paese che cambia le regole in corsa? Chi verrà ad investire in Italia con queste premesse? Mittal disse chiaramente che senza immunità avrebbe lasciato Taranto entro settembre. Oggi il governo Conte promette il ripristino immediato dello scudo pur di evitare la fuga della proprietà. La toppa peggio del buco. Incapacità, pressapochismo e ignoranza si rincorrono, mentre in Europa si sbellicano dalle risate e assicurano il governo che la manovra di Bilancio non verrà toccata. Sanno che lo zero virgola del nostro pil è il massimo cui il paese possa aspirare. E il Pd? Carlo Calenda riassume così i fatti: “Boccia e Emiliano vogliono che l’Ilva chiuda ma senza assumersene la responsabilità, dando la colpa ad altri. Il Pd in generale non sa proprio di cosa si sta parlando e va a ricasco. Lezzi ha fatto saltare lo scudo penale perché deve candidarsi alle regionali per il M5s. Il Pd non solo l’ha appoggiata, facendo precipitare la crisi dell’Ilva, ma pensa di ricandidare Emiliano, il responsabile della distruzione degli ulivi in Puglia con il suo no a tutto, colui che ha paragonato il tubo del Tap ad Auschwitz e che cerca di far saltare l’Ilva”. Chi avrà il coraggio di votare per il Pd o per il M5s, quando questo governo andrà a schiantarsi contro il prossimo scoglio? ritafaletti.wordpress.com

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.