La morale à la page di Bergoglio…..l’opinione di Rita Faletti

ore 13,25

visualizzazioni: 700

commenti: 9

Lo spirito del tempo, con la richiesta di concessioni alla modernità, ha oltrepassato le porte della chiesa e investito il centro della cristianità, i suoi rappresentanti e la sua stessa guida, il Papa. L’istituzione petrina è nel bel mezzo di una fase di confusione e profonda debolezza, che la grande popolarità di Bergoglio non lascerebbe intendere. Eppure, il pontefice arrivato dall’altra parte del mondo e fortemente determinato a condurre un’operazione riformatrice della Curia romana, a cui ha recentemente impresso un’accelerazione, sfida l’opposizione della componente tradizionalista e getta le basi per uno scisma da molti ritenuto inevitabile. Il capo spirituale della cristianità, al quale spettano il governo e la cura del popolo di Cristo, invece di rafforzare l’unità della Chiesa e combattere la scristianizzazione che dilaga in Europa, invece di difendere con determinazione chi, a causa della fede in Cristo, è vittima di persecuzioni e massacri a livello globale, è diventato il front man di un agguerrito movimento di cardinali progressisti che periodicamente si riunivano in Svizzera, a San Gallo, per discutere sul futuro della Chiesa. Sono gli stessi che osteggiarono l’elezione di Ratzinger e approvarono quella di Bergoglio. Già nel 2007, il conflitto interno tra tradizionalisti e riformatori preoccupava Benedetto XVI, il Papa emerito, che, nell’enciclica Spe Salvi, indicava gli effetti tragici della scristianizzazione per l’umanità, in una serie di elementi, tra cui l’apostasia della Chiesa e l’odio contro di essa da parte del mondo. Quando il Figlio dell’uomo ritornerà, troverà ancora la fede sulla terra? Alla domanda, Ratzinger rispose che l’unico ancoraggio a Cristo e alla sua Chiesa, è la vera fede. Come i suoi predecessori, Paolo VI e Giovanni Paolo II, era consapevole della minaccia incombente. Una minaccia interna concretizzatasi nel disegno di un gruppo di cardinali “liberal” e ultraprogressisti di sovvertire dottrina e morale cedendo al pressing della modernità. Tra i rivoluzionari, l’ottantaduenne Danneels, arcivescovo emerito di Mechelen-Brussel, prediletto da Bergoglio che lo ha nominato personalmente in sostituzione dell’arcivescovo conservatore in carica. Che il fine giustifichi i mezzi è dimostrato dal fatto che Francesco se n’è impipato del discredito caduto su Danneels per aver tentato di coprire le malefatte sessuali dell’allora vescovo di Bruges. Non è stata la prima volta che Bergoglio si è mosso promuovendo e allontanando secondo il progetto di svolta che vuole imprimere alla Chiesa. La sua visione è di un cristianesimo aperto, à la page, emancipato dalla tradizione di cui sono stati custodi i suoi predecessori, una visione che Francesco persegue nonostante il muro difensivo di un’opposizione ferma, baluardo della fede. Eucarestia ai divorziati che hanno affrontato nuove nozze, famiglie omosessuali, fine del celibato sacerdotale. Questi i punti di maggior attrito che gli episcopati liberal difendono con le unghie e con i denti e che hanno iniziato a sfruttare in ogni occasione per sovvertire dottrina e morale. Un nuovo pensiero mainstream elogiato dai media di regime, riflesso della policy che guarda all’inquilino di Santa Marta come al centro del rinnovamento. E’ lo Zeitgeist a dominare. Il defunto cardinale Martini, del gruppo di San Gallo, definito da Danneels stesso una “mafia”, disse che la Chiesa era un’istituzione “indietro di duecento anni”, come se la religione con i suoi dogmi fosse un abito soggetto alla volubilità e ai capricci della moda, con l’implicita conseguenza che ciò che oggi è di moda è destinato a passare. Allora, cosa resterà domani, del messaggio di Cristo, in una società in totale declino morale e etico, dove la famiglia è sostituita dal single con figlio, dalla coppia gay che rivendicando il diritto di essere equiparata alla famiglia tradizionale rivendica il diritto al figlio? Quando il concepimento e la morte saranno affidati a pratiche di laboratorio il primo e all’eutanasia la seconda, con grave compromissione della concezione stessa della vita cristiana? La vita in provetta e la morte senza sofferenza. A questo proposito, Ratzinger disse: “Occorre fronteggiare il rischio di scelte politiche e legislative che contraddicono fondamentali valori e principi antropologici ed etici radicati nella natura dell’essere umano, in particolare riguardo alla tutela della vita umana, in tutte le sue fasi, dal concepimento alla morte naturale”. Diverso suona il bergogliano:“Chi sono io per giudicare?” Ipocrisia immane di chi ha ricevuto il mandato da Dio e la missione di guidare il suo gregge, non tra la grazia e il peccato, (sic Bergoglio), ma verso la grazia, indicando con chiarezza cosa è bene e cosa è male, secondo la morale cristiana. Altra cosa è la morale “à la page”, flessibile, regolata dalle circostanze, ancella rilassata dello Spirito del tempo, più che dello Spirito Santo. Il Papa acclamato dalle folle vuole cambiare direzione di marcia e rompere la continuità con il magistero di Giovanni Paolo II e la sua enciclica Veritatis Splendor. Sceglie chi gli è più vicino, affida la gestione parrocchiale e ecclesiale a laici, rivoluziona il collegio dei vescovi, si preoccupa dell’immigrazione, con l’intento di fare del mondo un grande ospedale da campo, in nome della “fratellanza umana”, propone l’ambientalismo come nuova religione con Greta sacerdotessa, se ne infischia di dare risposte ai cardinali che nei “Dubia” chiedono chiarificazioni su alcuni punti della sua enciclica “Amoris Laetitia”, condanna la ricchezza e esalta la povertà come luoghi rispettivi del male e del bene, quasi si potessero separare con la lama affilata di un coltello. Trascura l’esigenza di trascendenza, ancora forte, per fare il sindacalista. Resisterà ai conservatori che intendono rovesciarlo dalla poltrona di Santa Marta e rimandarlo là da dove è venuto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.